Tel: 0577281160 - E-mail: info@opisiena.it

I certificati di compiuto assolvimento dell'obbligo ECM del triennio 2011-2013, alla firma del nostro Presidente, verranno presto inviati per posta elettronica certificata (PEC).

Si avvisa coloro che, dal controllo personale del Dossier Formativo al sito Co.GE.A.P.S., non hanno raggiunto il numero utile di crediti ECM per ottenere la Certificazione, possono contattare il Co.GE.A.P.S. al n° tel. 06 36000893, attivo dal lunedì al venerdì, per richiedere le modalità di invio di copia della documentazione mancante.

Si ricorda che possono essere integrati crediti ECM conseguiti che non risultano registrati (ovviamente essendo in possesso della certificazione rilasciata dal provider), esoneri, esenzioni o quant'altro possa permettere il rilascio di ATTESTAZIONE o CERTIFICAZIONE per il triennio 2011-2013.

Il materiale inoltrato dal professionista sarà processato dal COGEAPS e, se ritenuto conforme alle regole della Commissione Nazionale ECM, sarà inserito nell’anagrafica personale, con conseguente ricalcolo dei crediti maturati e da maturare.

Ulteriori chiarimenti possono essere chiesti al Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Collegio IPASVI della Provincia di Siena

intende ricordare il proprio Presidente EDOARDO MICHELI prematuramente scomparso con l’istituzione di una BORSA DI STUDIO del valore di euro 2.000,00 da assegnare ad uno studente iscritto al 2° anno del Corso di Laurea in Infermieristica dell’Università di Siena – sede di Siena

per l’Anno Accademico 2015-2016

 

BORSA DI STUDIO

“EDOARDO MICHELI”

 

L’assegnazione della Borsa di Studio è soggetta al seguente regolamento.

 

Articolo 1

(Istituzione)

Il Collegio IPASVI della Provincia di Siena, con propria Deliberazione, istituisce una Borsa di Studio del valore di Euro 2.000,00 in memoria del Presidente Edoardo Micheli prematuramente scomparso;

Articolo 2

(Requisiti di partecipazione)

La Borsa di Studio è riservata agli studenti iscritti al Corso di Laurea in Infermieristica presso l’Università di Siena – Sede di Siena - immatricolati per la prima volta nell’A.A. 2014-2015 al primo anno di corso e regolarmente iscritti nell’A.A. 2015-2016 al secondo anno, che abbiano conseguito in tale percorso formativo al 30 Settembre 2016 una media ponderata uguale o superiore a 27/30 e che abbiano altresì conseguito i crediti inerenti l’attività formativa di tirocinio del primo e del secondo anno;

Articolo 3

(Modalità e termini di presentazione delle domande)

Le domande di partecipazione dovranno essere redatte esclusivamente sul modello scaricabile dal sito www.ipasvisiena.it o richiedibile presso la sede del Collegio sita in Siena, viale Europa, 31.

Le domande, complete di tutta la documentazione a corredo, dovranno pervenire in busta chiusa entro le ore 12.00 del giorno 21 ottobre 2016 per consegna diretta a mano (in orario di ufficio) presso Collegio IPASVI di Siena viale Europa 31, 53100 SIENA. 

Sarà altresì possibile inoltrare le domande, entro lo stesso termine, all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., ma esclusivamente da altre caselle PEC.

La domanda dovrà essere corredata di:

  1. copia di un documento di identità in corso di validità;
  2. certificazione, ovvero dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi della normativa vigente, attestante l’avvenuta iscrizione all’A.A. 2015/2016 al secondo anno di corso e comprensiva degli esami verbalizzati, riportante per ogni esame il voto conseguito e il numero dei CFU nonché la specificazione della media ponderata del percorso effettuato.

Non saranno prese in considerazione le domande presentate o inviate oltre i termini previsti dal presente bando.

Articolo 4

(Ammissione e graduatoria)

Saranno esclusi d’ufficio gli aspiranti borsisti che avranno presentato domanda con documentazione incompleta o che non abbiano alla data di scadenza i requisiti di ammissione richiesti, ovvero coloro che dovessero produrre dichiarazioni mendaci.

Tra gli aspiranti borsisti ammessi sarà stilata, da parte del Consiglio Direttivo del Collegio IPASVI di Siena, una graduatoria di merito secondo i seguenti criteri:

  • -       il maggior numero di CFU acquisiti (sono considerati solo gli esami che scaturiscono in un voto e non le “idoneità”)
  • -       a parità di numero di CFU acquisiti, la miglior media ponderata
  • -       a parità di numero di CFU acquisiti e miglior media ponderata, l’età più giovane

La graduatoria sarà pubblicata sul sito del Collegio IPASVI di Siena www.ipasvisiena.it entro il giorno 25 ottobre 2016.

Articolo 5

(Corresponsione della Borsa)

Il premio della Borsa di Studio verrà corrisposto al primo classificato in unica soluzione per un importo di euro 2.000,00 (duemila/00) con consegna diretta di assegno circolare, nel corso di un momento celebrativo che si terrà il giorno 28 ottobre 2016 presso la sede del Collegio IPASVI di Siena, ovvero presso altra sede ritenuta idonea all’evento, cui il vincitore si impegna fin d’ora a partecipare. 

Articolo 6

(Disposizioni finali)

La partecipazione al concorso implica l’integrale accettazione di quanto contenuto nel presente bando.

Articolo 7

(Trattamento dati personali)

Ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 196/2003, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti dal Collegio per le finalità di gestione del concorso e saranno trattati, anche successivamente alla eventuale assegnazione del premio, per le finalità inerenti alla gestione del medesimo.

Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione.

In merito al trattamento dei dati personali, l’interessato gode dei diritti di cui all’art. 7 della legge di cui sopra. Tali diritti potranno esse fatti valere nei confronti del Collegio, Titolare del trattamento.

 Il Presidente

Michele Aurigi

Allegati:
Scarica questo file (Borsa_studio_IPASVI_2016.doc)Bando559 kB
Scarica questo file (domanda_borsa_di_studio_2016.doc)Domanda25 kB

Il “Settore della Salute tra sostenibilità e opportunità” si trasforma in Forum annuale per approfondire e aggiornare il tema delle partnership pubblico-private per l’innovazione del Sistema Sanitario già introdotto nella prima edizione e per affrontare nuovi temi promuovendo un’ampia partecipazione. Caratterizzerà il secondo appuntamento il coinvolgimento di altre Regioni per confrontare strategie e progetti e per avviare processi di condivisione e collaborazione.

E’ un’occasione speciale, forse unica, in cui i responsabili politici e delle scelte del Sistema Sanitario di diverse Regioni si mettono a disposizione delle imprese per condividere obiettivi e progetti di innovazione e sviluppo.

Il programma del Forum prevede:

un Convegno principale e istituzionale che affronta gli aspetti più rilevanti della politica sanitaria e dello sviluppo economico per la Sostenibilità del Sistema della salute e lo sviluppo delle imprese, della ricerca e del lavoro;

un Programma di iniziative e eventi di approfondimento sui temi di particolare interesse come: il futuro della medicina e della salute (il futuro senza il cancro, il futuro senza il diabete, il futuro senza la malattia); sulle eccellenze del Sistema Sanitario Italiano e sulla loro valorizzazione a livello internazionale, sulla trasformazione del sistema guidata dalla tecnologia; sul ruolo della sanità integrativa, delle mutue e delle assicurazioni; sulla medicina di precisione e medicina di genere; sull’importanza dell’alimentazione per la salute e la sostenibilità del sistema; sugli integratori e sulla medicina complementare; sulla promozione dell’etica e della meritocrazia contro per la sostenibilità del sistema. Su questi temi si svilupperanno anche delle isole espositive-progettuali. Tra i temi speciali il “miglioramento continuo per la sostenibilità del SSN” con un premio nazionale di idee e progetti.

dei tavoli di lavoro che produrranno proposte che saranno discusse e pubblicate sulla stampa nazionale: le filiere dell’innovazione nel settore farmaceutico e dei devices; Manufacturing ed export provision – come il Sistema Italia può attrarre insediamenti produttivi nel settore farmaceutico per il mercato globale; biosimilari e sostenibilità – strategie di mercato delle imprese e politiche delle Regioni per garantire l’accesso alle cure ai cittadini e per lo sviluppo del settore; partnership tra l’industria farmaceutica, il Sistema Sanitario Pubblico e il Sistema
della ricerca per sconfiggere il cancro: proposte e prospettive; nuove imprese, grandi imprese, sistema sanitario, governo e fondi di investimento – come possono sostenere lo sviluppo delle imprese healthcare in Italia.

Il giorno 24 settembre è prevista la Conferenza Regionale Scienze Infermieristiche - LEOPOLDA INFERMIERI

Maggiori informazioni su: http://forumdellaleopolda.it/
A breve le iscrizioni e il programma definitivo. 
Vi aspettiamo numerosi, tutti gli Infermieri sono invitati a partecipare!

Allegati:
Scarica questo file (Programma.pdf)Programma.pdf4151 kB

Collaboratore Professionale Sanitario - INFERMIERE (Scadenza ore 12 del 19.05.2016 )

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 posto a tempo indeterminato di Collaboratore Professionale Sanitario – Infermiere (cat. D) per le necessità dell’Azienda Usl Toscana Nord-Ovest e per la copertura di eventuali altri posti previsti dai fabbisogni delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario della Regione Toscana (47/2016/CON).

 

Scadenza presentazione domande: entro le ore 12 del giorno 19/05/2016

Comunicato Stampa

I collegi regionali degli infermieri, assistenti sanitari e vigilatrici d'infanzia

si sono riuniti a Firenze e si sono confrontati con l’assessore regionale

L’assessore regionale Saccardi ha incontrato i collegi IPASVI della Toscana

Michele Aurigi, presidente del collegio IPASVI di Siena: “Un incontro programmato per fare il punto sulla riforma sanitaria Toscana ma è stato impossibile non commentare i fatti drammatici di questi giorni” 

L’incontro che i Collegi IPASVI della Regione Toscana avevano richiesto e programmato con l'assessore Stefania Saccardi ha offerto l’occasione per fare il punto sulla riforma sanitaria Toscana ed esprimersi sulla terribile vicenda di Piombino.

 “L’assessore Saccardi – afferma il presidente del Collegio IPASVI Siena, Michele Aurigi – ha avuto parole di stima per gli infermieri e ha ribadito il suo impegno a valorizzare la professione infermieristica sempre nell'ottica della interprofessionalità. E’ stato riconosciuto il ruolo dei Collegi IPASVI come attori naturali di confronto, supporto, analisi attraverso incontri periodici con l'assessorato per offrire risposte efficaci ai cittadini che assistiamo attraverso il nostro contributo fattivo alla crescita professionale, culturale ed organizzativa dell'infermieristica in Toscana”.

“L’incontro era programmato da tempo– continua il presidente del collegio senese Michele Aurigi– ma è stato impossibile non commentare i terribili fatti di cronaca di queste ore. Esprimendo la nostra totale e piena solidarietà alle famiglie, stigmatizziamo con forza una vicenda isolata che non può diventare espressione di oltre 35.000 professionisti che ogni giorno con abnegazione, sacrifico e forte senso deontologico prestano la loro competenza al fianco del cittadino. La migliore risposta è continuare a lavorare con entusiasmo e convinzione per dimostrare che l'infermiere rappresenta il perno fondamentale di un sistema che ha bisogno di rinnovare fortemente i suoi modelli. Non nascondiamo la testa nella sabbia, perché un evento di drammatica portata come questo, per quanto isolato, deve farci interrogare su come evitare che si possa ripetere. Un percorso che trova risposta solo nella totale sinergia di tutte le istituzioni e nell'onestà intellettuale di analisi complesse. Ma allo stesso non ci faremo strumentalizzare da questa drammatica vicenda. Noi infermieri, per storia e cultura, siamo abituati ad andare avanti sempre e comunque con fierezza, perché l'unica cosa che vogliamo è quella di prestare la migliore assistenza possibile nelle migliori condizioni possibili”.

La graduatoria di concorso in scadenza ad aprile sarà portata ad esaurimento. E poi da subito il concorso per infermieri.

ESTAR si è impegnata a chiamare tutti gli idonei della graduatoria ancora in essere a parziale copertura del fabbisogno di infermieri in toscana. All'esaurimento di questa, inizieranno le procedure concorsuali per un unico concorso regionale da espletare nel 2016.

Allegati:
Scarica questo file (estar-1.jpg)estar-1.jpg220 kB

Dopo l'entrata in vigore della Direttiva Europea sui turni minimi, in un momento politico che vuole ridisegnare con forza l'assistenza ospedale-territorio, mancano in Toscana all'appello 934 infermieri solo per coprire i turni.1737 se si parla di turni e servizi. 

Il rapporto OCSE  vede una media europea di 9 infermieri per 1000 abitanti nel sistema pubblico. In Toscana il dato si assesta su 5,7. In questo contesto il 15% degli infermieri ha limitazioni lavorative e l'età prevalente è quella dei 40/50 enni, con gli over 55 che superano in numero gli under 35. 

I processi innovativi assistenziali che vedono integrazione e continuità ospedale-territorio, il care management, la sanità di iniziativa, la continuità assistenziale domiciliare nelle 24h, i percorsi veloci e flessibili  in emergenza urgenza con modelli quali  il see and treat, le postazioni infermieristiche di emergenza territoriale, le cure palliative e gli hospice... sono gli ambiti dove gli infermieri portano innovazione, sicurezza e appropriatezza economica e clinica, 

Garantire tutto questo quando la proposta di legge di riforma del sistema sanitario regionale rischia di  assegnare ai dipartimenti infermieristici attività gestionali costrette da logiche di dipendenza, appare un obiettivo non conciliabile. 

Continuare a non investire sugli infermieri, non assumendo e non dando loro la possibilità di governare e programmare l'assistenza attraverso la propria dirigenza con modalità professionali e gestionali intellettualmente e scientificamente libere di poter impattare è un danno non tanto per la professione, ma per tutti i cittadini che assistiamo, i quali non sono messi in condizione di avere risposte ai bisogni di salute che esprimono, bisogni di carattere sempre più  assistenziale in ragione della cambiata demografia ed epidemiologia.. 

Siamo pronti ad organizzare una grande protesta di piazza mobilitando gli oltre trentacinquemila professionisti che operano in Regione Toscana

 

I Collegi IPASVI della Toscana

Informazioni

Viale Europa, 31 53100 Siena
Tel:
0577281160
Fax: 0577281160
E-mail: info@opisiena.it
PEC: siena@cert.ordine-opi.it

Orario di apertura al pubblico

Martedì: 15,30 - 18,30
Mercoledì: 9,30 - 11,30
Giovedì: 15,30 - 18,30
Negli altri orari è in funzione la segreteria telefonica
COD. FISCALE: 80009660525