Tel: 0577281160 - E-mail: info@opisiena.it

Vista la situazione il Consiglio Direttivo ritiene opportuno posticipare la data dei scadenza della tassa annuale 2020 al 30 Giugno 2020.

Dopo l'incontro con il Presidente della Regione Enrico Rossi, sono arrivate le risposte ai quesiti che gli Ordini delle Professioni infermieristiche hanno sollevato. “Non tutte le questioni hanno ricevuto una risposta soddisfacente – commentano i Presidenti degli Opi toscani – ma intanto si è instaurato un dialogo che speriamo possa portare frutti anche nel prossimo futuro anche sui temi nei quali ancora non siamo in piena sintonia. Vediamo nel dettaglio quali sono le questioni sollevate e quali le risposte della giunta, partendo dal tema delle mascherine “modello Toscana” e sulla necessità che rispondano alle caratteristiche per essere usate come dispositivi medici. La Regione Toscana ha risposto che fa valutare all'Università di Firenze il potere filtrante di tutte le mascherine prodotte, accettando solo quelle con capacità migliore rispetto allo standard relativo alla marcatura CE. Gli OPI hanno chiesto se il test riguarda solo il materiale o la mascherina in condizione di uso, e la Regione ha spiegato che è stato testato il materiale con il confronto con altra mascherina di fornitore aggiudicatario di gara dal quale emerge una buona efficienza. A richiesta da parte degli OPI di avere una copia dei certificati di sicurezza e di qualità, dove vengono indicati come dispositivi medici, la Regione ha risposto che sono state fatte analisi morfologiche e capacità di filtraggio dall'Università di Firenze. Dagli infermieri è stata poi avanzata la richiesta di tute, camici, occhiali protettivi e mascherine ffp2 e ffp3 e, secondo quanto affermato dalla Regione, le tute ed i camici saranno prodotti da imprese locali e arriveranno le prime forniture già in questi giorni, mentre ESTAR sta inviando 5.000 camici alle AASS. Anche stante la carenza a livello nazionale di mascherine FFP2 e FFP3, ne potranno distribuire ad oggi 14.500; la Regione sta inoltre verificando, oltre alla ricerca di fornitori disponibili, soluzioni alternative di pari efficacia. Per quanto riguarda i numeri, la Regione pensa di poter rifornire a breve 100.000 mascherine “Modello Toscana” al giorno. Gli OPI hanno manifestato la necessità di dare procedure e comportamenti che devono tenere gli operatori sanitari in carenza o assenza di DPI, chiedendo posizione chiara sull’argomento da parte della Regione che ha risposto che saranno condivise e diffuse a livello regionale le best practice adottate dalle Unità Sanitarie di Crisi delle Aziende, con il coordinamento della USC Regionale. Sono state inoltre richieste alla Regione direttive, verificando le Linee Guida, dove si indicano come devono tutelarsi gli operatori in tutti i settori, a partire dai checkpoint, alle tende pre-triage, nelle vicinanze dei pazienti con sintomatologia sospetta, e come devono essere assistiti e trattati i pazienti. La Regione su questo sta preparando delle indicazioni per l'utilizzo delle varie tipologie di mascherine. Venendo poi al concorso Estar, che secondo gli Opi toscani non è stato tra i migliori in termini di gestione, il
reclutamento di personale sanitario dalla graduatoria è risultato confusionario. Alcuni colleghi riferiscono che non risulta esser stato seguito un ordine della graduatoria, altri riferiscono di aver ricevuto un contratto e subito dopo una telefonata che li avvertiva dell’errore. In 7 giorni devono entrare nel SSR senza dare preavviso alle aziende rimettendoci anche del proprio. Rispetto al problema venutosi a creare sulle modalità di chiamata dalla graduatoria la Regione ha dato una risposta molto articolata: intanto i primi 1333 infermieri in graduatoria (considerando in tale numero anche coloro i quali risultano titolari di riserve di legge per l'assunzione), corrispondenti al numero di posti programmati per l'immediata assunzione, sono stati suddivisi tra le Aziende Sanitarie in maniera proporzionale ai posti richiesti da ciascuna Azienda, rispettando le opzioni di Area Vasta indicate da ciascuno al momento della domanda di partecipazione, simulando in tal modo il processo che sarebbe avvenuto, su di un arco di tempo di alcuni mesi, in condizioni normali, quando gli idonei in graduatoria sarebbero stati chiamati "a pacchetti" in funzione dei fabbisogni di assunzione comunicati periodicamente dalle Aziende. Considerata la necessità di procedere con urgenza, e tenuto conto di una percentuale di rinunce all'offerta di assunzione che storicamente si attesta attorno al 50%, sono stati inoltre "preallertati" un pari numero di idonei, posizionati successivamente in graduatoria, chiedendo la disponibilità ad essere assegnati ad una delle Aziende in caso di rinunce nel primo gruppo di idonei. Anche questi ultimi sono stati suddivisi tra le Aziende con gli stessi criteri.Sempre per velocizzare il processo di assunzione, fornendo agli interessati tutte le informazioni relative all'effettiva sede di lavoro all'interno dell'Azienda, i due gruppi di candidati sono stati contattati dall'Azienda di "assegnazione", per accoglierne la definitiva accettazione o rinuncia dell'incarico, ed attivare, se del caso, immediatamente la procedura di assunzione. Questo è ovviamente avvenuto con tempi diversi a seconda delle Aziende, ma comunque concentrati in pochi giorni (tutto il processo è iniziato otto giorni fa), sempre con il monitoraggio di una cabina di regia, formata da tutti i dipartimenti risorse umane e i dipartimenti infermieristici delle Aziende, coordinata da Estar, che ha garantito la riallocazione dei candidati appartenenti al primo gruppo di idonei, in caso di rinuncia all'incarico offerto con però indicazione di disponibilità ad assumere un incarico presso un'altra Azienda, sempre nel rispetto delle Aree Vaste indicate in sede di domanda. Questo ha consentito, tra l'altro, di ridurre il tasso di rinunce, permettendo rispetto alla procedura ordinaria una maggiore flessibilità verso i desiderata, in termini di sede, degli infermieri contattati, consentendo di poter già avviare all'assunzione questa settimana circa 800, professionisti. Definite le situazioni per il primo gruppo di idonei, lo stesso percorso viene seguito per il secondo per assegnare i circa 500 posti ancora da assegnare per effetto delle rinunce; avendo anticipato le richieste di disponibilità, si programma di completare anche tale percorso nella prossima settimana, riuscendo pertanto ad assumere a tempo indeterminato circa 1.400 infermieri (per effetto di un incremento dei fabbisogni legato alla stabilizzazione di personale già presente in azienda con contratti flessibili ed inserito in graduatoria) in tre settimane.
Analogo percorso è stato attivato anche per 600 OSS, portando così a 2.000 il numero di unità di personale assunto in tre settimane. Ad ulteriore tutela degli idonei in graduatoria, considerati i ristretti tempi di immissione in servizio, è stato espressamente chiarito nella lettera di convocazione che la rinuncia non comporta esclusione dalla graduatoria, consentendo così a tutti di poter essere comunque assunto a seguito delle future chiamate "ordinarie". A questo punto gli OPI hanno sollevato il problema logistico del personale che è stato o che verrà assunto nei prossimi giorni e che sta riscontrando un problema legato all’alloggio per la chiusura di diverse strutture ricettive, chiedendo un supporto in tal senso. La Regione Toscana , è stata la risposta, sta mettendo a disposizione di tutte le Aziende Sanitarie una convenzione quadro con strutture ricettive su tutto il territorio per consentire un adeguato alloggio a chi proviene da altre regioni. L'ultima questione è quella relativa alle enormi carenze di personale infermieristico che si stanno verificando in servizi come Rsa, Carceri, servizi territoriali, ecc… Purtroppo la garanzia qualitativa e quantitativa di questi servizi di privati convenzionati, presenti nella carta dei servizi, sono messi duramente alla
prova rispetto alla difficoltà di reperire risorse sul territorio disponibili a causa delle assunzioni massive di ESTAR.Su questa problematica la Regione ha dato indicazione a tutte le Aziende Sanitarie di differire di 15/30 gg l'inserimento in servizio di chi sta già operando in strutture private o cooperative per consentire le sostituzioni; a tal fine, sempre tramite le Aziende Sanitarie territoriali, verranno messi a disposizione i riferimenti degli infermieri iscritti al concorso ma non in graduatoria per l'eventuale offerta di contratti di lavoro che rendano rapidamente possibili le suddette sostituzioni.

In ottemperanza al DPCM sulle misure di contenimento del COVID-19, da venerdì 13 marzo 2020 gli uffici dell'OPI della Provincia di Siena saranno chiusi al pubblico fino a data da destinarsi.

                                                           La Segreteria è contattabile telefonicamente il mercoledì dalle ore 9:30 alle ore 11:30 e il martedì e giovedì dalle ore 15:30 alle ore 18:30 al numero 0577/281160 oppure scrivendo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o                                                                       PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                                                           Per motivi urgenti e non procrastinabili, valutati di volta in volta dal Presidente, sarà possibile prenotare un appuntamento.


Al fine di migliorare la qualità e la sicurezza delle attività assistenziali, la FNOPI chiede il contributo di tutti i propri iscritti.Dal 2013 la FNOPI ha aderito al progetto "Fare di più non significa fare meglio", promosso da Slow Medicine.
Nel progetto sono state coinvolte le società tecnico-scientifiche che hanno risposto all'invito di partecipazione: AIOSS, AIUC, AIURO, ANIMO, ANIPIO, ANIARTI, AICO, oltre a quelle dell’area pediatrica.
Il contributo delle società è stato prezioso e ha permesso di formulare la redazione di 31 raccomandazioni, la cui diffusione è stata promossa attraverso incontri presso gli OPI provinciali. In questa nuova fase sono state selezionate 6 pratiche su cui la Federazione chiede ai propri iscritti di esprimere la propria opinione, al fine di migliorare la qualità e la sicurezza delle attività assistenziali.


Questionario on line è disponibile shttp://www.fnopi.it/static/sondaggio-buone-pratiche.htm


Un ringraziamento speciale a tutti i colleghi che hanno preso parte a questa iniziativa e alla cittadinanza che ci ha accolto ed ascoltato.
Siamo stati felici di festeggiare la Giornata Internazionale dell'Infermiere insieme a voi.
opisiena#siamonoi#

Video 12 Maggio 2019

 


Nella giornata di oggi, dopo dieci anni, è stato approvato il nuovo Codice Deontologico del infermieri italiani, queste le parole della nostra Presidente“Il nuovo Codice – ha detto Barbara Mangiacavalliapprovato dai 102 presidenti nel Consiglio nazionale, rappresenta per l’infermiere uno strumento per esprimere la propria competenza e la propria umanità, il saper curare e il saper prendersi cura. L’infermiere deve dimostrare di saper utilizzare strumenti innovativi per una gestione efficace dei percorsi assistenziali e l’applicazione dei principi deontologici completano le competenze e permettono all’infermiere di soddisfare non solo il bisogno di ogni singolo paziente, ma anche quello del professionista di trovare senso e soddisfazione nella propria attività.Ed è una guida e una regola per garantire la dignità della professione e per questo va rispettato e seguito da tutti. Il Codice è per gli infermieri e degli infermieri. Li rappresenta e li tutela e mette nero su bianco la loro promessa di prendersi cura fatta da sempre ai cittadini.


http://www.fnopi.it/attualita/il-consiglio-nazionale-fnopi-approva-il-nuovo-codice-deontologico-degli-infermieri-id2629.htm

https://www.youtube.com/watch?v=Zr7TlE04m9Y

La Federazione nazionale degli Ordini lancia una campagna social per bloccare l’uso improprio della qualifica di infermiere.   
Dopo gli ultimi fatti accaduti legati all’operazione “Mondo Sepolto” che ha portato all'arresto a Bologna di operatori che in accordo con alcune imprese di pompe funebri avevano organizzato un vero e proprio mercato delle salme, ma che in modo assolutamente improprio e inesatto sono stati classificati come infermieri, la Federazione Nazionale prende una posizione netta sulla cattiva immagine che i media propongono.

                                                                                                                                                                    

Informazioni

Viale Europa, 31 53100 Siena
Tel:
0577281160
Fax: 0577281160
E-mail: info@opisiena.it
PEC: siena@cert.ordine-opi.it

Orario di apertura al pubblico

Martedì: 15,30 - 18,30
Mercoledì: 9,30 - 11,30
Giovedì: 15,30 - 18,30
Negli altri orari è in funzione la segreteria telefonica
COD. FISCALE: 80009660525